in:

Assolti nel processo di primo grado, due coniugi residenti nella Bassa reggiana sono stati condannati in appello

Assolti nel processo di primo grado, due coniugi residenti nella Bassa reggiana sono stati condannati in appello, a Bologna, per violenza sessuale sulla nipotina minorenne. Due anni e tre mesi di reclusione per il nonno, un anno e otto mesi per la nonna. Una condanna decisa dai giudici nonostante l’accusa avesse chiesto l’assoluzione. I fatti risalgono al 2010. Il nonno è stato accusato di aver molestato la minore; la moglie, secondo le ricostruzioni, sarebbe stata a conoscenza dei fatti e non avrebbe fatto nulla per impedirli. Tutto era partito dalla denuncia sporta dalla madre della piccola.


Riproduzione riservata © 2018 TRC