in:

Due escavatori Caterpillar oggetto di furto, che dal porto di Ravenna stavano per essere trasferiti in Medio Oriente

I Finanzieri del Comando Provinciale di Ravenna, in collaborazione con i funzionari
dell’Ufficio delle Dogane, hanno concluso un’articolata attività investigativa che ha
consentito di individuare due escavatori Caterpillar oggetto di furto, che dal porto di
Ravenna stavano per essere trasferiti in Medio Oriente.
Durante i controlli sono emerse anomalie e approfondendo si è scoperto che i numeri di telaio erano stati contraffatti. Grazie ai tecnici della casa produttrice, si è risaliti così ai reali numeri di matricola, da cui si è capito che erano stati rubati a luglio 2017 da due imprese dell’alto Lazio, specializzate nel movimento terra e nel recupero rifiuti, che avevano presentato denuncia.
I due Caterpillar, del valore commerciale di circa 500 mila euro, bloccati dalla Guardia di Finanza sul punto di essere esportati, sono stati quindi restituiti ai legittimi proprietari ed i quattro responsabili dell’illecito traffico sono stati denunciati per i reati di ricettazione e di favoreggiamento.


Riproduzione riservata © 2018 TRC