in:

Una Ferrari F360 Modena contraffatta è stata sequestrata dai militari della Guardia di Finanza di Como: secondo caso in pochi giorni, il fenomeno della contraffazione delle auto di lusso preoccupa Maranello

Era già accaduto un paio di settimane fa a Modena, ora il caso si ripete a Ponte Chiasso, ai confini con la Svizzera: una Ferrari contraffatta è stata sequestrata dagli uomini della Guardia di Finanza di Como. Si tratta di una F360 Modena, taroccata in fase di assemblaggio sulla base meccanica di una Toyota MR2. L’auto è stata sequestrata in seguito a un controllo scattato su un autoarticolato proveniente dalla Svizzera: l’esame approfondito, condotto dai militari in collaborazione diretta col Servizio assistenza tecnica della Ferrari, ha svelato rapidamente il trucco. L’auto solo esteriormente era una F360 Modena, ma montata sul telaio di una Toyota. Stando ai riscontri della Guardia di Finanza di Como, l’auto era destinata in Macedonia e avrebbe dovuto essere utilizzata come modello per la costruzione di altri cloni, repliche non autorizzate della F360 Modena. Una vicenda analoga era accaduta anche un paio di settimane fa, quando un modenese aveva cercato di immatricolare anche in quel caso una Toyota MR2 spacciandola per una Ferrari F430, auto contraffatta grazie all’acquisto on line di un kit del valore di circa 20mila euro: carrozzeria, marchio e loghi che per un occhio non esperto erano in tutto identici a quelli prodotti a Maranello. I due casi dimostrano che il mercato della contraffazione di auto di lusso è in costante espansione, inevitabile la preoccupazione in casa Ferrari.


Riproduzione riservata © 2018 TRC