in:

Tantissime persone questa mattina hanno voluto salutare per l’ultima volta Mattia Dall’Aglio, il nuotatore di 24 anni morto domenica

Tantissime persone questa mattina hanno voluto salutare per l’ultima volta Mattia Dall’Aglio, il nuotatore di 24 anni morto domenica scorsa mentre si allenava a Modena nella sala pesi di via Monsignor Della Valle, a causa di un problema cardiaco. La procura ha aperto una inchiesta, intanto oggi è stato il giorno dell’addio. Parenti e amici si sono radunati alla camera ardente allestita in via Terezin e poi si sono diretti verso la chiesa di Sant’Anselmo, a Buco del Signore, dove il giovane abitava con la famiglia. Il mondo del nuoto in particolare si è stretto alla mamma e al papà. C’erano il neo – campione del mondo nei 1.500 stile libero Gregorio Paltrinieri e Fabio Scozzoli, campione europeo e mondiale di rana, entrambi amici fraterni del 24enne. Poi i compagni della società sportiva dei Vigili del Fuoco, con la quale Mattia era tesserato: all’uscita del feretro hanno risuonato le sirene di uno dei mezzi. C’erano i rappresentanti della società sportiva Amici del Nuoto, che gestisce la sala pesi modenese. Il presidente Mirko Merighi è stato colto da malore. E poi tantissimi amici: i compagni della società sportiva dei Vigili del Fuoco, che hanno sorretto la bara e l’hanno portata in chiesa e che durante la Messa hanno ricordato l’amico con pensieri e anedotti. Sempre gli amici hanno fatto risuonare all’uscita della bara dalla Chiesa l’inno nazionale. (Articolo di Manuela Catellani)


Riproduzione riservata © 2017 TRC