in:

Incontri e musica con assessore Mezzetti e consigliere Mumolo

Torna il “Peppino Festival”, dall’8 al 10 maggio a San Giovanni in Persiceto (Bologna), con
incontri, laboratori, musica, mostre e gastronomia, dedicato alla lotta alla mafia e a Peppino Impastato, giornalista siciliano ucciso il 9 maggio 1978 per le sue denunce. Con gli
organizzatori del circolo Arci Akkatà, che lo ospita, e della locale associazione di Libera, hanno collaborato lo “Sportello infiltrazioni legali” e Filt-Cgil Emilia Romagna, il Comune di
San Giovanni in Persiceto, la Città metropolitana di Bologna e la Regione Emilia-Romagna.
Seguiranno il festival gli speaker adolescenti di Radio Immaginaria, poi Web Radio 5.9 dalle zone terremotate, Radio Roxie Onde Libere di Terred’Acqua, Radio Città del Capo di
Bologna e alcuni fondatori di “Radio Alice”. Anticipo domani per la mostra fotografica “Ripresi” sui beni confiscati alla mafia in Emilia-Romagna (Loggione Municipio), con Stefania Pellegrini, direttrice del master “Gestione e riutilizzo dei beni e aziende confiscate”. All’aperitivo di benvenuto, l’8 maggio in Piazzetta Salardi, è annunciato anche Massimo Mezzetti, assessore regionale alla Legalità, con il
sindaco Renato Mazzuca. Sabato 9 maggio, la marcia ‘StraPeppino’ in località Le Budrie, organizzata da Uisp e Piazza Grande, con arrivo alle 13.45 al circolo Akkatà, dove comincia la maratona di incontri, dibattiti, concerti (una quindicina di gruppi) e cibo, in programma fino a domenica sera. Si parte sabato alle 15 con “Patti legali”, confronto tra istituzioni e associazioni
impegnate nella legalità.


Riproduzione riservata © 2018 TRC