in:

La protezione civile regionale ha emesso un’allerta. I tecnici Enel ancora al lavoro sui black out. Allarme valanghe

La protezione civile regionale ha emesso un’allerta arancione per stato del mare al largo per le province della Romagna e gialle per piene dei fiumi o frane anche per il bolognese. Continua poi il vento sul crinale e sulla costa. Per la giornata di domani 15 novembre sono previste precipitazioni deboli-moderate localmente anche a carattere di rovescio sulla Romagna. La quota neve inizialmente sui 900 metri in successivo innalzamento con accumuli previsti inferiori ai 30 cm sulla montagna romagnola. Sono previste gelate su montagna e collina emiliana centrale e orientale più probabili a partire da quote di 600-700 m. Venti forti da Nord-Est su tutta la costa con intensità comprese tra 50 e 61 km/h e sul crinale centro-occidentale con intensità comprese tra 62 e 74 km/h. Mare agitato al largo con altezza dell’onda attorno a 4 m e localmente superiore in attenuazione dal pomeriggio-sera. I fenomeni sono in attenuazione mercoledì.
E prosegue senza sosta il lavoro delle oltre 500 risorse tra personale di e-distribuzione (la società del Gruppo Enel che gestisce la rete di distribuzione elettrica di media e bassa tensione) e di imprese per il ripristino del servizio elettrico in alcuni comuni delle province di Bologna e di Reggio Emilia colpite ieri dalle forti raffiche di vento e dalle precipitazioni nevose che hanno provocato la caduta sulle linee elettriche di alberi ad alto fusto situati fuori dalla fascia di rispetto, causando disservizi elettrici e grandi difficoltà nella viabilità.
Le squadre operative di e-distribuzione hanno lavorato tutta la notte per la riparazione dei guasti effettuando ripristini del servizio elettrico laddove è stato possibile raggiungere i luoghi di intervento a causa di una difficile viabilità.
Sono circa 30.000 gli utenti al momento disalimentati di cui circa 26.000 nella Provincia di Bologna (concentrati principalmente in 10 Comuni) e meno di 3.000 in Provincia di Reggio Emilia. Entro questa notte si prevede di ripristinare il servizio per il 70% dei clienti disalimentati, per i restanti clienti si prevede il rientro nella giornata di domani, salvo casi isolati legati ad aree non raggiungibili.
E- distribuzione ha già movimentato 200 gruppi elettrogeni ed è in costante contatto con le autorità locali e la Protezione Civile che sta coordinando tutte le operazioni di gestione dell’emergenza maltempo.
Gli interventi proseguiranno fino al completo ripristino della situazione.

Intanto, nel week end aprono sul Cimone gli impianti sciistici, ma scatta l’allerta valanghe della protezione civile.


Riproduzione riservata © 2017 TRC