in:

Non lascia tregua alle donne siano giovani o adulte, siano sposate oppure no: il don Giovanni di Mozart si lascia trascinare dalla bellezza

Non lascia tregua alle donne siano giovani o adulte, siano sposate oppure no: il don Giovanni di Mozart si lascia trascinare dalla bellezza, dal fascino femminile e per salvaguardare il suo onore e la sua indole di seduttore non si ferma neanche dal commettere un omicidio. Inizia con il delitto del Commendatore la scena del primo atto dell’opera che il Teatro Comunale di Bologna ha proposto per la chiusura della stagione 2018. A vestire i panni del “dissoluto punito” è il bolognese Simone Alberghini che ha ricoperto il ruolo per ben 23 volte.
Nel dramma giocoso, così viene definita l’opera di Mozart, è donna Elvira sedotta e abbandonata da Don Giovanni a mettere in guardia le altre ragazze che incrociano lo sguardo e le parole del libertino.
La prima del don Giovanni è contrassegnata dal congedo di Michele Mariotti dalla direzione musicale del Teatro Comunale dopo la collaborazione durata 11 anni.


Riproduzione riservata © 2019 TRC