in:

Peggiorano i livelli di smog in Emilia-Romagna, col superamento dei limiti di legge di Pm10 negli ultimi giorni in tutte le province tranne Ravenna e Rimini.

Peggiorano i livelli di smog in Emilia-Romagna, col superamento dei limiti di legge di Pm10 negli ultimi giorni in tutte le province tranne Ravenna e Rimini. Da domani, a Modena (con Carpi, Sassuolo, Castelfranco e Formigine) a Ferrara (con Cento), a Forlì e Cesena, Piacenza, Reggio Emilia, Parma e Bologna Bologna (con Imola, Argelato, Calderara di Reno, Casalecchio di Reno, Castel Maggiore, Castenaso, Granarolo dell’Emilia, Ozzano dell’Emilia, Pianoro, San Lazzaro di Savena e Zola Predosa) scattano le misure emergenziali che prevedono, fra l’altro, lo stop dei veicoli diesel euro 4 alle 8.30 alle 18.30 e il divieto dell’uso di biomasse per il riscaldamento domestico. Le misure resteranno in vigore fino a giovedì, giorno di nuova emissione del bollettino Arpae. Tra cinque e sei (tranne Bologna, solo quattro) i superamenti che si sono ripetuti per giorni consecutivi nelle province convolte dalle misure emergenziali del piano antismog: ieri picchi a Parma, 101 microgrammi per metro cubo sui 50 consentiti, 96 a Piacenza e Reggio, 94 a Modena. A Piacenza, Ferrara e Modena, inoltre, gli sforamenti da inizio anno sono già più di 20, su un massimo consentito di 35.


Riproduzione riservata © 2019 TRC